Focus on: Samsung Serif TV

Preambolo necessario: Questo NON è un post sponsorizzato.

Non capita spesso che io rimanga affascinata da oggetti ultra-tecnologici, forse perché non riesco mai ad affezionarmi alla loro estetica fredda e impersonale, o magari perché tendo a concentrarmi di più sull'arredo in senso stretto.
E' molto più facile che io perda la testa per un divano piuttosto che per una tv o un impianto stereo, non so se mi spiego.... ;)

Perciò, quando al Salone del Mobile il mio sguardo è stato attirato come una calamita dalla nuova tv Samsung Serif, ho capito che nulla sarebbe stato più come prima: la mia mandibola è arrivata a livello ginocchia e i miei occhi non riuscivano a staccarsi da quella sottile scatolina super-minimale (e un po' buffa) con quelle lunghe gambette sottili *_*




Come ben sapete, negli ultimi anni la tendenza è stata quella di nascondere il più possibile tecnologia (e relativi cavi) con arguti sistemi di pannelli scorrevoli, schermi a scomparsa, vani contenitori e diavolerie di ogni genere.... 
Io in primis, per il lavoro che faccio, spesso mi ritrovo a dover cercare soluzioni per evitare che lo schermo ultrapiatto da 50 pollici diventi il punto focale del soggiorno, e vi assicuro che non è impresa facile :(

Poi, per nostra fortuna, un bel giorno qualcuno si è svegliato e ha pensato: "ehi, e se invece di cercare un modo per nascondere la tv la trasformassimo in un oggetto del desiderio rendendola parte integrante dell'arredo?". 
Un genio.
O forse dovrei usare il plurale, perché in questo caso i geni sono due: si tratta dei designer francesi Erwan e Ronan Bouroullec, noti per aver collaborato con i  brand più importanti del momento (stiamo parlando di firme del calibro di Hay, Vitra, Ligne Roset, Alessi, Kartell ecc).



      

Scendendo più nello specifico, ci sono moltissimi motivi per cui la Serif tv entrerà a gamba tesa nelle case di tutti i design-addict (e sono pronta a metterci la mano sul fuoco). 
Ad esempio il fatto che sia bellissima in egual maniera davanti, dietro e di profilo. Non è così scontato! 
Provate a immaginarvi un enorme open-space in cui la disposizione dei mobili preveda la tv in centro alla stanza: passando dietro di essa si vedrebbero il retro -un groviglio di cavi e connettori- e la "schiena" del mobile su cui poggia (necessario ma pesantissimo visivamente)... 
Tutti questi problemi scompaiono nel momento in cui i Bouroullec prevedono un pannello in tessuto per coprire cavi sul retro della tv, e un supporto minimale (quelle gambette sottili) per sbarazzarsi del solito mobile da appoggio. 

Anche il suo profilo è perfetto: come potete vedere dalle immagini qui sotto, il fianco della tv è una chiara"I" maiuscola in stile Serif, il che la rende terribilmente accattivante ai miei occhi (e a quelli di tutti gli appassionati di grafica ehehehe).
Per  quanto riguarda il fronte, credo che nessuno di noi abbia dubbi: quella sua cornice piatta funge da mensolina (sopra) e come base da appoggio (sotto) per posizionarla dove si vuole... Ahhhh.

(via Trendenser)



Secondo voi è normale gasarsi così tanto per una televisione?
PS: questa settimana vorrei pubblicare sul blog la mia birthday wishlist, dite che dovrei inserirci anche la Serif o sarebbe un filino sopra le aspettative? :D

images courtesy of Ronan and Erwan Bouroullec


4 commenti:

  1. Dipende da quanto costa...:-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahahahah ovviamente tantissimoOoOoOoo 😅😓

      Elimina
  2. Ciao Camilla, credo che Ronan & Erwan siano al primo posto nella classifica dei miei designer (contemporanei e in attività) preferiti. Qualsiasi cosa disegnino ha quell'aria di novità e perfezione che oggi è raro vedere.

    RispondiElimina
  3. è bellissimo..condivido!!!
    http://www.gruppocmservizi.it





    RispondiElimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...