Little home updates :: July

Quest'episodio di L.h.U è arrivato con qualche giorno di anticipo. 
Il motivo è molto semplice: per venerdì ho in serbo per voi un post speciale (se tutto va secondo i piani) sempre riguardante una new-entry dell'appartamento :)

Mi sarebbe piaciuto dedicare più spazio ai miei acquisti berlinesi, ma ammetto che in tre settimane non sono ancora riuscita a dar loro una sistemazione definitiva... Oooops! ;)
L'unica novità che s'intravede è il cuscino color petrolio acquistato da H&M home e quello rosa a quadretti (Ikea).

Per adesso gustatevi gli scatti più rappresentativi di luglio e immaginatevi un concerto di cicale a farne da colonna sonora :)
Enjoy:





PS: questo mese ha portato con sé una voglia irrefrenabile di rivoluzionare qualche angolo della casa... Ho tantissimi progetti per la testa, idee che non vedo l'ora di mettere in pratica e una lista di piccoli dettagli che a mio parere renderebbero il mio habitat - l'appartamento - ancora più speciale :)

Vediamo se vincerà la pigrizia estiva o se entro la fine di settembre riuscirò a realizzare tutto quello che ho in mente...Stiamo a vedere! ;) 
Per qualche anticipazione ricordatevi di seguire il mio profilo Instagram!

Gemma's relaxed home

Un'atmosfera rilassata, materiali semplici, colori neutri e pochi oggetti: sono queste le carte vincenti per ricreare uno stile simile a quello della casa di Gemma, protagonista del post di oggi.

Gemma ha selezionato con molta cura ogni singolo elemento da esporre, come fosse un piccolo tesoro di cui andare orgogliosi. Lei stessa l'ha ammesso in un'intervista: quando si stanca di qualcosa, come ad esempio un accessorio o un oggetto, ripone tutto in una cassapanca e procede ad un mini cambio-look. 
Dovremmo imparare a fare lo stesso (tanto lo so che io in primis non ce la farò mai), e invece spesso ci ritroviamo ad accumulare cose che non ci rappresentano più solo perché ormai siamo abituati alla loro presenza. Quanti di voi si sentono rappresentati da quest'ultima frase? ;)

Al contrario, la casa di oggi è uno spazio in cui non sono gli oggetti a dettar legge, ma i proprietari stessi. Sarà questo il segreto di un minimalismo ben riuscito? 





Il piano del tavolo in semplice compensato OSB (molto economico) è nobilitato dallo spessore "importante": ma non lasciatevi ingannare, in realtà a dare questo effetto sono i bordi alti sistemati lungo il suo perimetro.. Un'ottima idea da copiare ;)

     


Gemma ha trovato inoltre un perfetto equilibrio tra elementi Ikea, pezzi originali accaparrati al mercatino e produzioni DIY, come ad esempio la ghirlanda in perle di legno, la testiera del letto in pallet ed il telaio trasformato in una bacheca estemporanea per i suoi styling.




Non vi sentite anche voi un po' più rilassati? :)

Immagini via Woontrendz.nl

More bedroom details

D'estate ci vuole un po' di leggerezza, di romanticismo...

Proprio per questo oggi ho deciso di mostrarvi alcuni dettagli della mia camera da letto che, grazie a qualche acquisto dell'ultimo minuto, sta cominciando a prendere forma.

Mi piace il look "soft" che sono riuscita a ricreare aggiungendo qualche colore per smorzare la palette di grigi che ultimamente, lo ammetto, stava iniziando a stancarmi.
Certo, il grigio rimarrà sempre la mia base neutra preferita, ma con qualche accento cromatico in più è tutta un'altra cosa... Dico bene? ;)



Il famoso comodino vintage si sta finalmente popolando: una semplice lampadina posta su una base bianca (e priva di paralume) mi permette di leggere prima di addormentarmi... Che lusso :) 
A farle compagnia una candela rosa, alcune riviste e una caraffa in vetro color deserto con cui è scattato subito il colpo di fulmine: cercavo disperatamente una soluzione esteticamente valida per sostituire la bottiglia d'acqua che di solito tengo sul comodino e lei è apparsa, completa di bicchiere/tappo per evitare l'entrata della polvere. Dovevo comprarla!

Il cesto della biancheria grigio è stato acquistato a Berlino durante uno dei miei raid da H&M home, mentre lo specchio vintage della foto qui in basso l'ha trovato mia cugina, abbandonato tutto solo per strada... 
Ce l'ha regalato qualche mese fa, quando ancora eravamo sprovvisti di uno specchio a figura intera e per vestirci la mattina dovevamo intuire i nostri improbabili abbinamenti dal riflesso delle finestre (o del frigo in acciaio). 
Vorrei tanto poter dire che quest'ultima frase è una bugia, ma purtroppo ci sono dei testimoni... ;)



La biancheria da letto a righe è di Ikea, così come il cuscino a quadretti rosa. Avevo bisogno di un dettaglio femminile anche in camera da letto, così ho optato per qualcosa di facilmente sostituibile nel caso qualcuno (come ad esempio un convivente eheheh) decidesse di ribellarsi.

La semplice ghirlanda di perle di legno l'ho creata io in uno dei miei rari (rarisssssimi) momenti crafty, ma non le avevo ancora trovato una sistemazione definitiva....Appesa alla maniglia della finestra dona alla camera l'immancabile tocco nordico che stavo cercando :)



Proprio di fronte al letto, sul famoso comò grigio di Maisons du monde, ho sistemato la mia radio Evoke di Pure e altri piccoli elementi decor, come il porta candela a forma di casa (Tiger) e il bricco di latte in ceramica di Seletti.

Sarebbe un sogno se riuscissi a tenere la superficie libera come nella foto, ma so già che a breve si riempirà di cose/oggetti/ninnoli senza che io me ne renda conto... In caso vi lancerò un allarme ;)


Allora cosa ne pensate? Vi è piaciuto questo piccolo bedroom-tour? 

PS: si necessitano aiutini per trovare un comodino adatto alla "zona maschile" del letto... Se avete qualche idea scrivetemela qui nei commenti ;)

Foto e styling: Camilla Corradi - la tazzina blu


Berlino: guida di indirizzi per design-addict

Berlino è la mia città del cuore. 

Avevo già avuto modo di visitarla col mio ragazzo nel 2012 (è stato il nostro primo viaggio insieme) e da lì abbiamo deciso che ci saremmo tornati molto presto per completare il nostro tour e scoprire altre zone inesplorate della capitale tedesca. 
Se anche voi avete in mente un viaggetto a Berlino, vi consiglio di adottare la strategia "a zone" per capire meglio le differenze culturali che ogni quartiere ha da offrire... Rimarrete sorpresi dalla versatilità degli scorci, quasi si trattasse di piccole città assemblate tra loro :)

I must-see sono innumerevoli - e li troverete su qualsiasi guida turistica - così come i musei. 
Per questo motivo ho deciso di sostituire il solito resoconto di viaggio con una mini-guida di indirizzi per lo shopping dedicato al design e qualche posticino in cui rifocillarsi. 
...Perché io lo so che in fondo in fondo anche voi, come la sottoscritta, prima di un viaggio vi fate la lista dei negozietti da svaligiare e dei ristorantini instagram-friendly ;)


Indirizzi per lo shopping:

Bikini Berli - Vitra 

Il Bikini Berlin è un modernissimo mall dotato di una grande terrazza affacciata sul famoso Zoo... E' un luogo particolare, in quanto non sembra il classico centro commerciale ma un enorme aggregatore dei miglior concept store del mondo. 
Solo un esempio: qui si trova lo shop di Vitra *_*

Vitra @Bikini Berlin


Auguststrasse è una delle mie vie preferite del Mitte: qui si trovano moltissime boutique di design, gallerie d'arte e posticini dove mangiare un boccone, anche con piccolo budget.
Un negozio in particolare mi ha fatto battere il cuore (merita un visita nonostante i prezzi proibitivi), si chiama Tabléa Interiors e sembra balzato fuori dalle pagine di Kinkfolk Magazine:

Tabléa 

Nella stessa via trovate anche Do you read me? - uno shop interamente dedicato alle riviste più cool del momento: delicatessen del calibro di Milk, The Gentlewoman, Cereal Magazine e moltissime testate introvabili in Italia.

Do you read me?

Do you read me?

Ah, quasi dimenticavo... Sempre in AugustStrasse trovate Hay ;)

Hay

Abbiamo avuto la fortuna di trovare il nostro alloggio airbnb a Prenzlauerberg, quartiere per noi ancora inesplorato dal nostro precedente viaggio a Berlino. Nel giro di 24 ore abbiamo capito che Prenzlauerberg è il luogo ideale in cui cercar casa.
L'intera zona è meravigliosa, piena di vita, ricca di parchi, ristoranti, locali, famigliole (è il covo della categoria mamme-bio) ma soprattutto piccole boutique di design.
Quella che vale la pena di visitare (soprattutto durante i saldi) è Ting, in cui si trova un'accurata selezione di accessori per la casa delle nostre marche preferite (Marimekko, Ferm Living, Hay sono solo alcuni dei brand che potete trovare).

Ting

A Moritzplatz, nel quartiere di Kreuzberg, si trova il Modulor Material Total, un enorme store dedicato ad architetti, designer, artisti e crafter. 
Qui si trovano materiali di ogni genere per creare: legno, carta, nastri adesivi colorati, decorazioni per feste, agende, righelli e molto altro ancora! 
Se siete amanti del DIY questo è il vostro paradiso ;)

Werkhaus @ Modulor

Nello stesso edificio (raggiungibile dalla scala esterna) si trova il Minimum, un super show-room di design nordico, rivenditore delle migliori marche: Muuto, Hay, Menu, Normann Copenhagen.
Gli allestimenti al suo interno sono meravigliosi, vale la pena di farci un salto anche solo per guardare gli styling e lasciarsi ispirare dall'aria nordica che aleggia in negozio ;)

Minimum design

Minimum design

Posticini in cui mangiare:

A Berlino si mangia di tutto ed a qualsiasi ora, ma alcuni posti meritano davvero di essere provati.
Oltre agli innumerevoli ristoranti vegetariani/organic/bio si trovano parecchie scelte etniche come ci si può aspettare da una metropoli. Noi abbiamo sperimentato un po' di tutto, ma questi sono i 5 posti che più ci hanno colpito:

Allan's breakfast club 

Allan's breakfast club

Allans Breakfast Club, in Rykestrasse, è il luogo perfetto per gli amanti del brunch (e noi lo siamo!!!). Uova alla benedict come piovessero, inondate di salsa olandese *_*

Bagel, coffee & culture

Bagel, coffee & culture

Bagel, Coffee & Culture: un bel posticino (moltopiccolo) dove sedersi a bere uno smoothie rinfrescante. I bagel sono i migliori che abbia mai provato.

District Mot

District Mot: un'atmosfera molto particolare, esattamente come il menu. Si tratta di un ristorante vietnamita (che grazie ad Expo adesso è la categoria che va per la maggiore) e lo consiglio solo ai più coraggiosi che hanno voglia di sperimentare sapori unici (diversi da tutti gli altri asiatici). Essendo un posto molto gettonato dai berlinesi c'è il rischio di dover aspettare un po' prima di trovare posto a sedere.

Shiso burger

Shiso Burger offre un menù fusion a metà tra l'americano e l'asiatico. Si trova in una zona strategica (sempre in AugustStrasse) ed è il posto perfetto per mangiare un boccone durante lo shopping :)

Mi auguro che questo carnet di indirizzi possa essere utile a chiunque abbia intenzione di visitare questa meravigliosa città :)

Buon weekend!


E-design shop: Soggiorno in campagna


Dopo cinque giorni intensissimi passati a Berlino (non temete, presto arriverà la guida tazzinosa) ed un weekend trascorso appollaiata a bordo piscina, sono finalmente pronta per tornare a capofitto sul blog e i miei progetti di restyling :)
Proprio per questo motivo non vedevo l'ora di mostrarvene uno su cui ho lavorato a maggio e che mi è piaciuto tantissimo... Si tratta del cambio look del living di Valeria, che ha la fortuna di abitare in campagna in una casa col caminetto (gulp!) e tante nicchie.

Valeria ha acquistato il pacchetto mini perché non aveva bisogno di una totale rivoluzione, bensì di alcune aggiunte e consigli per cambiare il look alla zona giorno della sua (già bellissima) country house.
La prima ed unica concept board che le ho proposto (subito approvata) verteva su un look total-white "spezzato" da materiali grezzi e caldi come il legno e il lino:


 Per "costruire" questa concept mi sono ispirata alle atmosfere proposte da Angie Wendricks, una delle mie instagrammer preferite (la foto in alto a destra è sua) maestra nel mixare lo stile nordico con elementi più raw.
Ecco quindi la moodboard/shopping che ho proposto per ricreare lo stile a casa di Valeria:


Scaffale in legno Baikal - cuscino a righe H&M home - cuscino beige in lino H&M home - lampada da terra Lykke - tavolino in legno Sindal - sedia a dondolo Comback (Kartell) - vetrina Copernic - tende a righe Gusporre (Ikea)

Entrambe avevamo molto a cuore l'idea di cercare soluzioni che non snaturassero il contesto e l'anima della casa, ma al contempo sentivamo la necessità di inserire qualche elemento più contemporaneo... Così abbiamo inserito qualche pattern attuale (righette everywhere) e la Comback chair di Patricia Urquiola a rappresentare questo mix tra classico e minimal contemporaneo.


Ma un cambio look non è completo senza un rinfrescatina alle pareti, giusto? :)
Io e Valeria abbiamo deciso di tenere come base per tutta la stanza un bianco gesso (più caldo del solito bianco) e di dipingere l'interno delle nicchie e la porta dello sgabuzzino che si affaccia sul living di questo delicato grigio Lavendel 55 di Caparol








Cosa ne pensate? :) Spero che questo progettino vi sia piaciuto e vi invito a sbirciare nella mia pagina di consulenze su Etsy.

Color training with Lechler

Due settimane fa ho fatto visita allo stabilimento Lechler assieme alle blogger Alessandra Gucki, Gaia Patasgnaffi e Sarah Shabby Chic Interiors per CasaFacile.
Essendo un'appassionata di colori non potevo non essere gasatissima dall'idea di scoprire i "dietro le quinte" di quest'azienda 100% made in Italy che opera da più di un secolo nel campo delle vernici :)


La giornata si è svolta principalmente nel loro Centre for Excellence, dove ci hanno raccontato la storia dell'azienda, svelato alcuni progetti molto importanti ma, soprattutto, dato degli ottimi spunti per capire la ciclicità delle tendenze cromatiche.

Proprio così: una volta che conosci la storia del colore è molto facile intuire cosa andrà di moda l'anno prossimo e quale colore farà breccia nei nostri cuori... E vi assicuro che per chi lavora nel settore décor questo è un ottimo vantaggio ;)


Ma di una cosa in particolare non ringrazierò mai abbastanza l'azienda Lechler... Quella di cui vi voglio parlare oggi (e qui capirete la scelta del titolo del post).

Ebbene, Lechler ha ideato uno strumento chiamato Color Trainer grazie al quale possiamo simulare l'effetto di una particolare tonalità di vernice (a nostra scelta tra quelle del catalogo) sulle pareti di casa nostra: basterà caricare la fotografia della stanza interessata, scegliere il colore e vedere l'effetto che fa :)

Come saprete le pareti di casa mia sono ancora immacolate, candide, bianchissime e pulite... E ovviamente la cosa non fa altro che inibirmi nell'osare con tinte e colori particolari (nonostante la mia passione) mandandomi in paranoia solo all'idea di dover dire addio a tutto quel bianco luminoso. In poche parole, tutti i miei sogni alimentati da meravigliose fotografie Pinterest-style della perfetta tonalità di rosa per la parete dietro al letto, vengono soffocati da quest'ansia da pagina bianca.

E se la tinta scelta poi dovesse risultare sbagliata? E se facesse a pugni con l'arredo e gli accessori della stanza? E se con quella luce particolare desse un effetto totalmente diverso da quello che mi aspettavo?

Tutti questi (ragionevolissimi) dubbi vengono dissipati nel momento in cui uno strumento come Color Trainer ti offre una vera preview di quello che accadrebbe se ti lasciassi andare con quel rosino perfetto Pinterest-style in camera da letto.
Ovviamente non potevo che sperimentare anch'io i prodigi di questa tecnologia :)
Perciò oggi vi voglio mostrare alcune simulazioni che ho realizzato sulle pareti della mia casetta:


Sono partita dalla cucina: ho sempre pensato che un bel grigio chiaro potesse fare al caso mio, in particolare sulla parete "operativa". Il grigio creerebbe un bel contrasto con le piastrelle diamantate bianche, che nella situazione attuale si perdono un pochino. Cucina bianca, parete bianca, piastrelle bianche... Credo non siano proprio valorizzate al massimo.

Inoltre, trovo che la parete di mattoni faccia il suo "sporco" lavoro nel movimentare un po' l'intera faccenda... ;) Che ne pensate?


Osare un pochino nel living (anche qui gli arredi sono praticamente tutti bianchi o grigi) con un bel blu tonale... Che peraltro si avvicina al blu dei miei sgabelli in cucina! Qui il movimento non sarebbe dato solo dal colore, ma anche dalla scelta di dipingere la parete a mezz'altezza (a 150cm da terra): avendo i soffitti molto alti, infatti, la stanza risulta sempre un po' freddina e "vuota". 

Frazionare la parete con il colore è un ottimo modo per evitare l'effetto dispersione degli spazi troppo ampi o sproporzionati, e aiuta a focalizzare l'attenzione sugli arredi.
Ho scoperto che questa tecnica viene molto usata nelle camerette dei bambini per creare un orizzonte visivo che faccia sentire i piccoli a proprio agio.


Ed ecco il rosso chiarissimo che ho soprannominato "rosa Pinterest-style" per avere una preview di quello che significherebbe realizzare il mio sogno proibito. 

Dovete sapere che ho fatto moltissime prove con foto da varie angolazioni prima di capire che la mia idea di dipingere la parete dietro al letto era totalmente sbagliata. Visto? Se non ci fosse stato il Color Trainer e mi fossi lanciata in questa pazzia avrei fallito e conseguentemente pianto per una settimana.

La parete in cui quel rosa risulta perfetto è quella a destra del letto, l'unica vuota e sgombra da mobili. E' la parete su cui ho intenzione di creare la mia gallery di stampe (per ora le ho appoggiate a terra) perché si dà il caso che quello sia il mio lato del letto ed io, appena apro gli occhi la mattina, ho bisogno di vedere del rosa :)

Se anche voi siete degli indecisi cronici quando si tratta di scegliere la tinta perfetta per casa vostra, correte sul sito Color Trainer e fate i vostri esperimenti, vi assicuro che sarà molto divertente e appagante ;)

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...