Ennerev: letti di design seriamente tazzinosi

Quando si tratta di cercare il letto dei propri sogni, la missione potrebbe essere più complicata del previsto...
Un letto è un letto, ma la sua funzione deve rispettare tutte le nostre esigenze, non solo quella del sonno e del relax.
Vi faccio un esempio: io adoro leggere e "bloggare" appoggiata alla testata del letto, che dev'essere confortevole e imbottita, abbastanza alta da permettermi di stare col busto in posizione eretta.

Un'altra ragione per avere la testata imbottita è la posizione del letto: essendo appoggiato alla parete perimetrale rivolta verso nord - una scelta molto feng shui - non posso permettermi di sentire freddo e svegliarmi col dolore alle cervicali (sono già abbastanza un rottame per conto mio...).

Altra esigenza: il letto deve avere un contenitore per ospitare il mio vasto cambio-stagione...Ricordiamoci che, specialmente se la casa è piccola, più contenitori ci sono meglio è!

Ma la funzione non è tutto: anche l'occhio vuole la sua parte, dico bene? :)
Per creare la camera da letto perfetta è importante che ci sia un design che ci rispecchi totalmente, nelle forme, nei colori e nei tessuti. Dev'essere come un abito sartoriale, creato su misura per noi :)
Forse ho trovato tutto questo. E siccome mi piace condividere i miei colpi di fulmine qui sul blog... Oggi vi presento i letti Ennerev!


Linee moderne e tessuti contemporanei, cotone, lino, ecopelle, nabuk, effetti stoned washed. Testate avvolgenti, slanciate, maxi o essenziali. Tinte unite ma anche pied de poule e mini quadretti, grisaglie, effetti matelassé e a rilievo, richiami floreali e tocchi fluo. Praticamente tutto ciò che piace alla tazzina :) 
Selezionare le foto da pubblicare è stato veramente arduo, lo ammetto... Avrei volentieri postato il catalogo intero, ma per ragioni di leggibilità ho preferito mettere solo alcune delle fotografie dallo styling intrigante presenti nel sito. Vi consiglio caldamente di scaricare l'intero catalogo da questo link.









Quanto sono belli? Ho passato due ore sul loro catalogo e non riesco ad individuare il mio preferito. Ce n'è veramente per tutti i gusti e tutti gli stili. Ogni modello è altamente personalizzabile con tessuti e piedini diversi, per rendere ancora più "nostro" il nido che ci accoglie ogni notte.
Ho già individuato dei rivenditori nella mia zona... Voglio assolutamente fargli visita per toccare con mano queste meraviglie :)

Piccolo budget --> grande effetto

La primavera è alle porte, e la nostra casa ci sta implorando di rinfrescarle un po' il look.. Il nostro portafogli, invece, non è della stessa opinione. 
Si sa, ultimamente da queste parti non si naviga nell'oro... Ma perché rinunciare alla bellezza quando basterebbero pochissimi accorgimenti e meno di 50 euro per preparare la propria casa alla bella stagione nel giro di un weekend? :)
Questa è la mia piccola guida tazzinosa per realizzare un fresco restyling con un mini-budget.
Pronti ad accettare la sfida? ;)

(Heju, cuscini consigliati da Marie Claire Maison )
  • Aggiungere cuscini decorativi. Sono capaci di rendere anche il divano più anonimo il protagonista indiscusso dell'intera casa... Non trovate? Provate ad immaginare il divano della foto senza tutti quei cuscini meravigliosi dai diversi pattern e colori... Tutta un'altra cosa! :) 


  • Lampade di carta Ikea. Così economiche e così poetiche... Che le si metta a grappolo o singole fanno sempre un certo effetto! Io le adoro bianche ma non disdegno affatto quelle piene di colori e micro-pattern che vanno di moda in questo periodo.


  • Ceramiche da appendere alle pareti. No, non parlo dei soliti piatti della nonna appesi in cucina. Parlo di qualcosa dall'aria ironica e divertente, come le ceramiche di Donna Wilson o magari dei piatti dai pattern geometrici come quelli di Tiger. La parete risulterà personalizzata in un battibaleno :)

  • Lucine di Natale tutto l'anno. E' fuori discussione che si rinunci ad appendere un filo di lucine natalizie a Marzo solo perchè non s'ha da fa'. Io le vedo bene come elemento costante: una luce d'atmosfera che ti catapulta subito dentro un mondo fatato. La cosa bella è che costano poco e basta una presa di corrente per cambiare il mood di una stanza :)

  • Piante ovunque. Che siano grasse, appese, esotiche, poco importa. Una casa non è una casa senza un po' di verde :) Se non siete degli assi in botanica provate a cercare in rete quali sono le piante da interni perfette per voi: alcune sono veramente economiche e non richiedono troppe attenzioni!

  • Damigiane in vetro. Proprio così. Le damigiane sono presenti in moltissimi home-tour (parlo dei nostri preferiti, quelli scandinavi e olandesi) e per di più non costano niente. Ai mercatini della domenica le si trovano spesso a meno di 10 euro! Adattissime a riempire un angolino "un po' così" della casa :)

Vi auguro un weekend pieno di home-shopping! :)

News: la tazzina su The Friday Project

Ecco una cosa che t'illumina d'immenso il lunedì: scoprire che il weekend scorso è uscito il tuo articolo su The Friday Project :)
Quando Chiara mi ha contattato per sapere se mi sarebbe piaciuto collaborare al numero di Febbraio a tema total white non ho potuto tirarmi indietro :) Il bianco è la base del design nordico, una mia vera fissazione :)
Scrivere questo articolo per me è stato divertente, così come creare la moodboard a tema per "rubare" lo stile alle case scandinave... Enjoy!



E se siete curiosi di leggere il numero per intero... Eccolo qua! :)




Una fattoria "urbana"

Quando si tratta di ristrutturare, gli olandesi lo fanno alla grande.
Il recupero per loro è un valore molto importante e spesso scelgono di creare continuità tra gli ambienti così come tra esterno e interno.
Proprio come hanno fatto Rob e Maamke per la ristrutturazione di questa fattoria nei Paesi Bassi, i cui colori ed elementi ricordano il paesaggio circostante, la città di mare Workum.
Trovo adorabile quel verde acqua che caratterizza le pareti della cucina, la stanza in cui la famiglia passa la maggior parte del tempo e dove si divertono ad organizzare cene tra amici :)









Messaggio per Rob e Maamke: alla prossima cena che organizzate potete invitare anche me? Io poi so fare delle patate al forno da sogno.

via Vtwonen

Moodboard #2

La tempesta di neve che sta dando spettacolo in questo momento fuori dalla mia finestra, cade proprio a pennello con il mood di oggi.
Dentro casa sta filtrando una luce grigia che assomiglia un po' a quella delle foto che ho scelto per la mia moodboard di Febbraio :)
Perché io, questo mese, lo percepisco così: freddo, grigio ghiaccio, ma sotto sotto anche un po' rosa romantico :)


Fonti immagini (dall'alto a sinistra in senso orario): 1, 2, 3, 4, 5, 6, 7

Colazione a colori [Homi parte 2]

Attenzione: questo post è altamente sconsigliato a chi non è affascinato dal mondo del colore. :D

Sapete già quanto io sia fissata con le palette ed i materiali di tendenza nell'arredo, e di conseguenza, assistere ad un'intera lezione da parte della color designer Francesca Valan è stata per me un'opportunità per conoscere di più questo meraviglioso mondo e restarne ancor di più ammaliata.
Francesca ci ha raccontato l'evoluzione delle tendenze colore dagli anni '50 ad oggi, che cambiano ciclicamente in base ai mutamenti della società...Se siete curiosi e volete saperne di più sulla storia, vi consiglio di fare un giro sui blog di Alessia (Interior Break) dove troverete un'accurata analisi, suddivisa in decadi, di come i momenti storici abbiano influenzato la presenza o l'assenza di determinati colori.

Io vorrei invece concentrarmi sui colori e i materiali più influenti ed in voga degli ultimi anni, quelli che hanno caratterizzato l'arredamento dal 2011 ad oggi e, perchè no, che possiamo riconoscere anche nelle nostre case. ;)
I color designer hanno individuato sette grandi gruppi di tendenze:

  • Dark Browns



Bassi contrasti e schemi monocromatici dai colori scuri entrano in campo nel 2011, in cui legni pregiati e metalli caldi come ottone e rame regnano protagonisti. Il marrone, colore iconico del legno, fa da guida alla palette ispirata alla natura ed al lato più "intimo" del minimal.

  • White & Wood


Una tendenza persistente anche al momento, dove il legno chiaro ed il bianco in tutte le sue varianti si combinano per creare un'atmosfera di purezza minimale e naturale... Lo stile scandinavo regna sovrano per la gioia della tazzina e delle sue amiche blogger.

  • Native


I materiali si mettono in mostra nella loro forma più "nativa" ed originale. Pietre e marmi rimangono nel loro stato grezzo ed il legno esibisce le sue venature con fierezza. La palette che generano è un interessante mix di nuances naturali sia fredde che calde.

  • Low-Tech


E' un boom per i materiali più ecologici ed economici, il compensato (plywood) diventa un materiale da esibire e, in caso, da accostare a tessili semplici come il feltro. Il Low-Tech è una tendenza tutt'oggi molto in voga grazie anche al crescente bisogno di semplicità e alla diffusione del do-it-yourself.

  • Total Wood


L'imperante influenza "natural" porta a mixare legni di essenze e colori diversi, in finiture lisce od opache ma pur sempre con le venature ben in vista. La palette è interamente dettata dai colori iconici dei diversi legni.

  • Chromatic Glam


La tendenza che preferisco: vede un ritorno dei colori pastello già presenti negli anni '50 ma resi attuali dall'accostamento ai legni più chiari come l'Acero. Questo scenario rappresenta un ponte tra la tendenza natural ed i nuovi cromatismi del 2015.

  • Fluo Accents


Colori fluo che spaziano dal giallo evidenziatore al fucsia iper-saturo, vengono usati come "accenti" su base neutra, come i legni tecnici o naturali. Perfetto compromesso tra artificio e natura :)

Allora, avete riconosciuto almeno una di queste sette tendenze tra le vostre mura domestiche? :) 
E' sempre interessante vedere come i nostri acquisti ed il nostro stile vengano spesso influenzati da questi lunghi cicli di assenze e presenze di colori...
E il futuro cosa ci riserva? Francesca è stata molto chiara in merito... I colori desaturati saranno di gran moda! ;)

Palette a cura di Francesca Valan,
Fonti immagini: 1, 2, 3, 4, 5, 6, 7

La mia esperienza all'Homi [prima parte]

Questo post dovevo intitolarlo "le foto mosse e sfocate di Camilla".
Quanto fastidioso è portare in giro 5 kg di macchina fotografica fare centinaia di foto per poi rendersi conto in post-produzione di non averne azzeccata manco una?
Frustrazioni a parte, il post di oggi vuole essere una sorta di "ricerca" più che un vero e proprio resoconto... Ho provato a capire quali trend caratterizzeranno il look delle nostre case nel 2015 e questo è ciò che ne ho tirato fuori. 
Cinque trend per dieci aziende che hanno catturato particolarmente la mia attenzione durante il blogger tour all'Homi :)

Ecco il primo trend individuato dalla tazzina: Colori accesi e pattern strafighi! Quando si parla di colore cosa vi viene in mente? Pantone, ovvio. Che per l'occasione ha fatto coppia con Bassetti, leader delle parure da letto. Non so cosa darei per dormire avvolta da un copripiumone in nuance Pantone e relativo codice identificativo :)
Missoni Home come al solito l'ho riconosciuto dal famoso pattern che lo contraddistingue e dai suoi colori accesi. Anche la casa ha il diritto ad essere vestita di grandi firme :) Fazzini, sulla stessa lunghezza d'onda, colpisce per l'allestimento del suo stand... Una tinozza d'altri tempi è ricoperta di asciugamani dalle tinte accese, abbinandosi alla biancheria da letto floreale.
Io e le altre blogger siamo tutte impazzite per Miho! Tanto che ci siamo tornate volentieri anche martedì, per fotografare ancora scorci di questo bellissimo e coloratissimo stand! 
Mi piace l'ironia di questo brand che sostituisce gli orribili trofei di caccia in divertente decor di cartone colorato! :D
Da tenere in considerazione per la parete sopra il camino nella mia futura casa di rappresentanza ;)


Se Miho ci ha rapito il cuore, il magnifico allestimento creato da Alessandra Salaris per Sambonet ha fatto una vera e propria strage. A tal punto che abbiamo cominciato ad organizzare veri e propri pellegrinaggi allo stand: se una blogger se lo faceva sfuggire, le altre le mandavano coordinate per andarlo a visitare.. E così pian piano ci siamo andate tutte, per fotografare, toccare, curiosare tra le bellissime sale da pranzo allestite in stili diversi. 
La mia preferita è stata quella in stile vintage: colori pastello, sedie da scuola, vetrinette e consolle anni 50. Chiamate un'ambulanza, qui è tutto troppo bello e rischio di svenire.


Si sa, con lo stile nordico non si sbaglia mai: per questo MVH (med venlig hilsen che tradotto significa "cordiali saluti") ha trasmesso ottime vibrazioni a me e a tutte le altre. MVH è distributore di marchi scandinavi tra cui Madame Stolz, una vecchia conoscenza della tazzina (cliccate qui per sapere di cosa parlo) e Sebra. 
Pattern e colori sono quelli che piacciono a me, di conseguenza ho ringraziato Dio del fatto che non si potesse comprare niente.
Iittala invece, se avesse un sottotitolo sarebbe "materiale altamente fotografabile". Anche questo stand, meta di innumerevoli pellegrinaggi durante entrambi i giorni di blogtour, ha catturato l'interesse di tutte noi. La principale novità di quest'anno è la rivisitazione in nuovi colori del vaso Ruutu, in particolare nella nuova nuance color deserto: attualissima.


Con i pastelli e i sorbetti si vince facile, lo sappiamo. Per questo metà delle foto sul mio profilo instagram riguardano stand caratterizzati da soffici e caramellosi colori. Smeg, Present time, Bitossi, Sambonet.. Stanno tutti complottando affinché io svuoti il mio bancomat e trasformi la mia casa nel paese delle meraviglie pastellose che tanto vanno di moda adesso. E io accetto la sfida perché non mi piace tirarmi indietro.

Spero che la prima puntata di questo resoconto vi sia piaciuta, rimanete sintonizzati per scoprire cosa ci ha riservato il secondo giorno di blogtour! :)

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...