E-Design Shop: Rinfrescare il look di un bagno


Quando Barbara mi ha chiesto di regalare un nuovo look al suo bagno ENORME, mi sono sentita intimorita ma allo stesso tempo eccitata in modo inverosimile da questa sfida. :)

L'ambiente bagno, si sa, è uno dei più difficili da trattare perché fa parte dell'aspetto strutturale di una casa, un po' come la cucina; di conseguenza - a meno che non si abbia un budget enorme - è sempre una scommessa riuscire a rivoluzionarlo totalmente.

Nel caso di Barbara, l'idea non era quella di ristrutturarlo completamente ma di trovare una soluzione "temporanea" per renderlo accogliente con un piccolo budget, fino a quando i tempi sarebbero stati maturi per una ristrutturazione totale.
Abbiamo quindi deciso di giocare con gli accessori e di sfruttare l'intera area della sala da bagno, che risultava troppo grande e "vuota", suddividendo l'ambiente in base alle funzioni.

Ecco le due concept-board da me proposte:


La prima proposta s'ispira al minimalismo nordico, ma anche alla Francia con i suoi tipici toni pastello e polverosi: un bagno che dia subito l'idea di "pulizia" senza essere freddo e asettico.
Il bianco, grande protagonista, allarga ulteriormente lo spazio rendendolo vivibile e luminoso come un vero e proprio salottino.


La seconda proposta verte principalmente su uno stile retrò, romantico ma per niente lezioso e con il tocco mediterraneo dei rivestimenti in cementine.
Non volendo affrontare una ristrutturazione seria e, di conseguenza, escludendo l'idea della sostituzione delle piastrelle del pavimento, abbiamo deciso di optare per un tappeto vinilico effetto cementine da affiancare alla vasca da bagno per riempire l'area centrale del pavimento e donargli un'aria vintage e raffinata.


Dopo aver discusso sullo stile da adottare, questo è ciò che n'è saltato fuori: una shopping list che mischia i due stili, con un grigio/verde a dettare le regole per tutto lo schema cromatico.
Gli elementi in legno, come la consolle - perfetta per la nicchia sotto la finestra - la scaletta porta asciugamani e la panca relax in compagnia del cesto in paglia danno un'allure naturale che dona più calore all'ambiente. Il tappeto vinilico, gli attaccapanni Dots, la lampada in stile vintage e i pomelli volutamente spaiati (da sostituire a quelli esistenti degli armadietti già presenti) si richiamano cromaticamente gli uni agli altri creando un'armonia visiva.

Ma non è finita qui! Non è vero che non abbiamo toccato minimamente i rivestimenti... Era una bugia :) Abbiamo deciso di cambiare colore ad una fila di greche color ocra che occupavano la fascia alta delle pareti di tutto il perimetro del bagno (e della vasca!) e che Barbara non poteva sopportare.
Per rimanere coerenti con lo schema cromatico, ho optato per una resina a finitura lucida di Leroy Merlin, facilissima da usare e perfetta per questi piccoli interventi di relooking :)


  •  Opzione 1: grigio/verde per creare un forte contrasto ed abbassare visivamente il soffitto rendendo l'ambiente più "cosy".


  • Opzione 2: color avorio, quasi invisibile, in leggerissimo contrasto con le piastrelle bianche circostanti.









Allora, cosa ne pensate del cambio look del bagno di Barbara? :)
Io mi sono divertita parecchio, ma la cosa che mi ha reso più felice è stata la sua recensione:

"Ho adorato ogni singolo passaggio di questo lavoro di squadra, in cui io ho messo per iscritto i miei desideri e Camilla li ha trasformati in un progetto realizzabile. Professionalità, cura dei dettagli, creatività, concretezza. E un gusto fresco, inconfondibile. Consigliatissimo"

Grazie Barbara, sei stata gentilissima ed è stato fantastico lavorare con te! :) :) :)

Avete anche voi uno spazio da rinnovare? Vi piacerebbe vivere l'esperienza di un cambio-look per una stanza che non vi soddisfa? Vi aspetto sulla pagina del mio e-shop!

Il mio home-shopping su Chicplace

Ho da poco scoperto Chicplace, uno shop online che riunisce in un unico posto le più incantevoli boutique spagnole, italiane e francesi, e ammetto che navigarci è un po'come passeggiare per le vie delle più grandi capitali europee...Si trova di tutto e di più!
Ve lo assicuro, questo è pane per i vostri denti e se avete bisogno di convincervi ulteriormente vi dico solo che molti negozietti rivendono marchi che adoriamo come House Doctor, Bloomingville, Oyoy e tutto ciò che repinniamo quotidianamente.

Io come al solito mi sono lasciata andare, quindi oggi ho deciso di svelarvi il mio bottino :)


Un nuovo cuscino, si sa, è il modo più semplice e veloce per rinfrescare il look di un living o di una camera da letto... Ne avevo già parlato in questo post, ed effettivamente molti di voi mi hanno già dato un feedback positivo su questo semplice tocco di styling.
Io ho optato per un cuscino tinta unita...ma CHE TINTA! Adoro questo rosino pallido, è molto romantico e primaverile. Sbaglio o sta bene anche sul mio outfit? ;) A proposito, riuscirò mai a smettere di comprare magliette a righe? -_-'


Il cesto di Bloomingville è un must-have, e l'ho capito dopo aver letto questo articolo sul blog Blueberry Home.
Devo ancora trovargli una destinazione definitiva, anche se il bello di accessori come questo è che si possono trovare soluzioni e funzioni diverse, spostandoli quando se ne ha voglia ;)
Per ora l'ho trasformato in un porta-asciugamani da mettere in bagno, il prossimo inverno lo utilizzerò nel living per riporre coperte o riviste.


L'adesivo "little wild thing" è perfetto da applicare sui muri o sulle porte, ma io lo vedrei benissimo anche sulla superficie di uno specchio tondo, come quello d'Ikea.
Visto che sono un'indecisa cronica sto aspettando l'illuminazione giusta per "agire" e finalmente decidere di attaccarlo, di conseguenza non posso mostrarvi la sua location definitiva... Dovrete accontentarvi del bellissimo styling proposto da To The Wild ;)

Allora, che ne pensate del mio home-shopping? Voglio un vostro parere qui sotto ;)
Passate tutti un buon weekend! :*

Foto e styling (foto 1 e 2): Camilla Corradi - la tazzina blu

Dawanda: 10 must-have

Come già molti di voi sapranno, ultimamente mi sono riscoperta una grande fan dell'handmade - italiano e non - e sempre di più rimango affascinata dal valore aggiunto che acquistano vestiti e oggetti quando sono realizzati artigianalmente, diventando unici e irripetibili nelle loro imperfezioni.

La scorsa settimana mi sono ritrovata a navigare su Dawanda, un vastissimo mercato online di prodotti fatti a mano da giovani designer e marchi indipendenti, e sono caduta vittima di svariati colpi di fulmine spaziando tra le categorie casa, gioielliaccessori, abbigliamento e chi più ne ha più ne metta.
Ho deciso quindi di selezionare per voi i miei 10  must-have da questo immenso portale, approfittando del fatto che fra due giorni sarà il mio compleanno, ovvero il momento perfetto per stilare una wishlist messaggio subliminale per chiunque volesse farmi un regalo.
Curiosi? ;)











Fatemi sapere cosa ne pensate di questa selezione e se vorreste anche voi uno di questi oggetti tra le vostre mani ;)

Moodboard #5

Maggio è il mio mese preferito.

Sarà perché compio gli anni, e di conseguenza lo sento proprio "mio", o perché i fiori cercano di farsi notare a tutti i costi in tutto il loro splendore... A maggio mi sento più creativa, i miei sensi si risvegliano completamente e sento qualcosa di elettrico nell'aria. E' anche il mese in cui ho sempre fame. SEMPRE. O_o

Oggi per voi c'è questa moodboard, sempre da stampare e piazzare davanti alla scrivania, il mantra visivo che vi accompagnerà fino a giugno.... Con un piccolo omaggio alla festa della mamma ;)


Fonti immagini (dall'alto a sinistra in senso orario): 1, 2, 3, 4, 5, 6, 7

Fest Amsterdam - lookbook 2015

Fest Amsterdam non è un festival che si tiene nella capitale olandese, bensì un negozio per l'home-shopping che svaligerei volentieri ogni santo giorno.
FEST è l'acronimo dei due fondatori, FEmke e STeven, il cui obiettivo rispecchia totalmente quello della sottoscritta: proporre arredamento che renda felici.
"Your home shapes who you are and how you look at life. It is a place where you should feel at home, a reflection of your identity. We are constantly looking for new products to keep our assortment up to date. Our goal: to bring together and sell furniture and home accessory which make us happy."
La loro collezione di complementi d'arredo - cuscini, vasi, tappeti - senza dubbio mi renderebbe mooolto felice, ma entrare in possesso di almeno UNO dei loro divani mi farebbe sicuramente sfiorare il Nirvana... ;) Giudicate voi:











Mi sono appena resa conto che il mio amore per i divani "cicciotti" continua ad aumentare pericolosamente...Dove andremo a finire? :)

Di case belle e vetrine virtuali

Dopo il tam-tam del Salone sono felice di tornare un po' alla normalità con il blog!
Ad aiutarmi nell'intento un bellissimo home-tour, scovato grazie alla sezione Unboxed di Made.com, lo showroom virtuale in cui la community condivide gli scatti dei propri interni arredati con pezzi del marchio inglese, con l'intento di mostrare in contesti "reali" come si presentano gli arredi.

Credo sia necessario - soprattutto quando si tratta di un e-shop di mobili in cui non c'è la possibilità di "toccare con mano" quello che si sta per acquistare - avere a disposizione una piattaforma in cui i clienti stessi mostrino quanto siano felici e soddisfatti dei loro acquisti.
Una sorta di recensione fotografica rassicurante, a dimostrazione che l'acquisto di mobili online  è la nuova frontiera dell'home-shopping.

Geniale vero? :)
Benvenuti a casa di Danni W.











 

Spotted:

MDW 2015: fuorisalone [brera e tortona]

Avendo solo un giorno a disposizione per visitare il Fuorisalone, quest'anno ho deciso di limitare la mia visita alle due zone che in genere preferisco: Brera e Tortona.
Probabilmente, se alle 18 non fosse arrivato il diluvio universale avrei avuto modo di farmi anche un giretto a Ventura Lambrate, una delle zone più indicate per gli appassionati di design nordico come la sottoscritta, ma mi sono ritrovata sprovvista di scialuppa ed il mio treno verso Padova mi stava aspettando.

Sono comunque soddisfatta degli showroom che sono riuscita a visitare, quindi eccovi una carrellata di foto golose scattate durante il mio breve tour.

NB: questa è la selezione della selezione della selezione delle foto...non odiatemi :D

 Brera 


Il caro Fritz non poteva che essere la prima tappa del mio tour in Brera District. Già due anni fa mi ero perdutamente innamorata di questo showroom, e dopo il post di Barbara (attenzione, può provocare dolori lancinanti al cuore) non potevo che ripetere l'esperienza anche quest'anno. 
Obiettivo della vita: procurarmi una Drop Chair.


(A casa di Jacopo - Made.com)

A casa di Jacopo, showroom occasionale del brand Made.com, siamo stati accolti con una colazione che manco all'Hotel Ritz, ma soprattutto abbiamo avuto modo di chiedere delucidazioni su alcuni arredi che io e il mio ragazzo abbiamo deciso di acquistare... La disponibilità dello staff mi ha colpito ancora di più dei muffin al cioccolato e vi assicuro che non è impresa facile.


Wall&Deco ha vestito le pareti di questa meravigliosa serra indoor... Talmente bella nella sua interezza che la foto panoramica si è resa necessaria:



Di Karimoku avevo già avuto modo di parlarvene in questo post,proprio perché di questo brand mi porterei a casa TUTTO: dagli accessori fluo al divano Castor, passando per gli ironici appendiabiti da parete colorati. Questo è il perfetto matrimonio tra Giappone ed Europa, ed io vorrei tanto esserne la damigella.




 Tortona 

(Ex-t)

Ex-t riesce sempre a far acquistare tremendo fascino all'ambiente bagno: non so come ci riescano ma, nonostante il mio bagno neo-ristrutturato mi piaccia tantissimo, appena entro nel loro showroom provo un'invidia viscerale e mi verrebbe da ricominciare tutto daccapo. Quei lavabi free-standing sono il mio nuovo oggetto del desiderio... Perfetti per la mia prossima casa (facciamo fra cinque anni?).


(e15)

E15 per me è stata una vera e propria rivelazione: fino a due settimane fa ne ignoravo l'esistenza e poi mi sono ritrovata a cercarlo sia al Salone che a Tortona. Le loro inusuali lampade sono il motivo principale di questo colpo di fulmine...Siete d'accordo con me vero? ;)



(Pranzetto da Angelo's... tanto love)

Piccola parentesi food: il bistrot Angelo's è la risposta giusta alla domanda "dove andiamo a mangiare?"
Piatti favolosi, prezzi ottimi, arredamento da capogiro. Provare per credere.


Moooi è la tappa fissa di Tortona, non può mancare in nessun tour che si rispetti perché le atmosfere che propone sono sempre le più originali...e un pochino inquietanti. Qui si apprezzano i colori scuri, le luci soffuse e le gigantografie di gente seminuda.




Essendo una delle poche fortunate ad aver visitato Ikea Sweden, per me era d'obbligo fare una capatina (con merenda inclusa) al Temporary Shop d'Ikea. Non vedevo l'ora di gustarmi lo styling di Paola Navone per la cucina Metod e la nuova collezione Sinnerlig per outdoor firmata Studio Ilse. Protagonista di questa novità un materiale inaspettato: il sughero. WOW!




Qui termina il mio resoconto virtuale per questa Design Week, e come ogni anno vorrei tanto prolungare all'infinito le meravigliose sensazioni che si provano solo qui a Milano, dove per una settimana il design invade ogni angolo di questa città diventando "cosa di tutti". 
E' questo il design democratico? Io credo proprio di sì :)

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...