Riconcepire il modo di esporre i fiori

Riconcepire il modo di esporre i fiori

marzo 26, 2020
C'è solo un modo per esporre un bel bouquet di fiori freschi: metterli tutti insieme in un vaso.
O forse no?

Da qualche anno i più famosi designer si sono sbizzarriti a reinterpretare il classico vaso proponendo soluzioni alternative, molto più vicine all'idea di "scultura" e tutte con un comunicato denominatore: l'importanza data ai singoli steli piuttosto che all'intero bouquet.

Sembra quindi che questa sia l'ultima sofisticazione per i floral stylist di tutto il mondo ed io non potevo sicuramente tirarmi indietro dallo stilare una bella lista dei miei preferiti!
Pronti?

1. Ikebana

Ikebana - ovvero l'antica arte giapponese di disporre i fiori recisi - dà il nome a questo meraviglioso vaso disegnato da Jaime Hayon per Fritz Hansen in grado di mettere in risalto il fiore per intero, dallo stelo alla corolla.
E' il mio oggetto del desiderio da molti anni e non potevo non metterlo in cima alla lista *_*



2. Innesti 

Una solida base in marmo e un cerchio in ottone per sostenere la leggerezza di un singolo fiore: Innesti di Sara Ricciardi in collaborazione con lo studio LAMATILDE di Torino più che un accessorio è un'opera d'arte da esporre in casa propria.
"Pieno e vuoto, leggero e consistente come due ingredienti che si valorizzano pur nella loro differente natura"



3. Eden 

Un vaso "aereo" ed estremamente esile, Eden di Agustina Bottoni scende dall'alto sotto forma di una scultura  cinetica a simboleggiare l'equilibrio perfetto tra ogni singolo elemento della Natura... Semplicemente poetico!



4. Nebl

Sembra che in questa campana di vetro ci sia un piccolo ecosistema avvolto dalla nebbia: il fascino del vaso in vetro opaco Nebl di Studio Rem è proprio questo: l'arte di non svelare in modo nitido il fiore che ci sta dentro.



5. Circle & U


I vasi "circolari" e a forma di U disegnati da Anna Varendoorf per ACV Studio sono ormai diventati famosissimi e ultra desiderati da qualsiasi stylist. Una vera e propria scultura esile in grado di rendere nobile persino il fiore più semplice:



6. Suprematic

Una scultura perfetta anche senza fiori, la serie di vasi Suprematic di Kateryna Sokolova per Noom permettono di disporre fiori su due piani diversi, grazie al divisorio posto a metà del vaso.
Pura arte.



Ora che ci penso c'è un'altra cosa che accomuna quasi tutti questi vasi di design: il fatto che possano sopravvivere in qualità di "oggetto da esporre" anche in mancanza di un fiore. 
Non trovate che sia meraviglioso?


Nessun commento

Posta un commento